La carne non fa poi così male

La carne non fa poi così male

Scritto da dhc. Postato in Area Dietologica

Il rischio per il cuore arriva dai carboidrati e non

dai grassi

Dal congresso europeo cardiologia: i grassi saturi saturi riducono ictus

 

Redazione ANSA

 

 

 

Non sono i grassi i principali killer per il cuore ma i glucidi, cioè i carboidrati. Uno studio presentato a Barcellona nel corso del congresso europeo di cardiologia mette in discussione quanto indicato fino ora in tutte le linee guida di prevenzione della salute cardiaca e da decine di studi e documenti scientifici.

Lo studio P.U.R.E. (Prospective Urban Rural Epidemiology), condotto dall'Università di Hamilton, in Ontario i cui risultati sono stati presentati oggi e pubblicati su Lancet, ha dimostrato che: la riduzione dei grassi, ''non migliorerebbe la salute delle persone''.

Secondo Mahshid Dehghan, ricercatrice del Population Health Research Institute della McMaster University, i vantaggi arriverebbero invece riducendo i glucidi, cioè in sostanza i carboidrati sotto il 60 per cento dell'energia totale, ''e aumentando l'assunzione di grassi totali fino al 35 per cento''.

I risultati delle analisi su oltre 135.000 individui provenienti da 18 paesi a basso, medio e alto reddito, nello studio prospettico epidemiologico dimostrano che e' l'elevata assunzione di carboidrati a determinare un maggior rischio di mortalità cardiovascolare. L'assunzione di grassi, secondo i risultati presentati, è invece, a sorpresa, associata a minori rischi. Gli individui nella fascia alta del consumo di grassi mostravano una riduzione del 23 per cento del rischio di mortalità totale, ma anche una riduzione del 18 per cento del rischio di ictus e del 30 per cento del rischio di mortalità per cause non cardiovascolari. Ciascun tipo di grasso era associato alla riduzione del rischio di mortalità: meno 14 per cento per i grassi saturi, meno 19 per cento per i grassi monoinsaturi, meno 29 per cento per quelli polinsaturi. Una maggiore assunzione di grassi saturi e' stata anzi associata a una riduzione del 21 per cento del rischio di ictus. 

 

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

 

 

 

 

Associations of fats and carbohydrate intake with cardiovascular disease and mortality in 18 countries from five continents (PURE): a prospective cohort study

Mahshid Dehghan, Andrew Mente, Xiaohe Zhang, Sumathi Swaminathan, Wei Li, Viswanathan Mohan, Romaina Iqbal, Rajesh Kumar, Edelweiss Wentzel-Viljoen, Annika Rosengren, Leela Itty Amma, Alvaro Avezum, Jephat Chifamba, Rafael Diaz, Rasha Khatib, Scott Lear, Patricio Lopez-Jaramillo, Xiaoyun Liu, Rajeev Gupta, Noushin Mohammadifard, Nan Gao, Aytekin Oguz, Anis Safura Ramli, Pamela Seron, Yi Sun, Andrzej Szuba, Lungiswa Tsolekile, Andreas Wielgosz, Rita Yusuf, Afzal Hussein Yusufali, Koon K Teo, Sumathy Rangarajan,

Gilles Dagenais, Shrikant I Bangdiwala, Shofiqul Islam, Sonia S Anand, Salim Yusuf, on behalf of the Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE) study investigators*

 

Summary

Background: The relationship between macronutrients and cardiovascular disease and mortality is controversial. Most available data are from European and North American populations where nutrition excess is more likely, so their applicability to other populations is unclear.

La relazione tra macronutrienti e malattie cardiovascolari e mortalità è controversa. La maggior parte dei dati disponibili proviene da popolazioni europee e nordamericane dove la nutrizione ha molti eccessi, quindi l’applicabilità di questi dati ad altre popolazioni non è chiara.

Methods The Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE) study is a large, epidemiological cohort study of individuals aged 35–70 years (enrolled between Jan 1, 2003, and March 31, 2013) in 18 countries with a median follow- up of 7·4 years (IQR 5·3–9·3). Dietary intake of 135335 individuals was recorded using validated food frequency questionnaires. The primary outcomes were total mortality and major cardiovascular events (fatal cardiovascular disease, non-fatal myocardial infarction, stroke, and heart failure). Secondary outcomes were all myocardial infarctions, stroke, cardiovascular disease mortality, and non-cardiovascular disease mortality. Participants were categorised into quintiles of nutrient intake (carbohydrate, fats, and protein) based on percentage of energy provided by nutrients. We assessed the associations between consumption of carbohydrate, total fat, and each type of fat with cardiovascular disease and total mortality. We calculated hazard ratios (HRs) using a multivariable Cox frailty model with random intercepts to account for centre clustering.

 

Lo studio Prospective Urban Rural Epidemiology (PURE) è un ampio studio epidemiologico condotto su persone tra i 35-70 anni (arruolato tra il 1 ° gennaio 2003 e il 31 marzo 2013) in 18 paesi con un follow-up mediano di 7,4 anni (IQR 5 · 3-9 · 3).

L'assunzione alimentare di 135.335 persone utilizzava questionari di frequenza alimentare convalidati.

Gli esiti primari erano la mortalità totale e gli eventi cardiovascolari (malattia cardiovascolare fatale, infarto miocardico non fatale, ictus e insufficienza cardiaca).

Gli esiti secondari erano tutti infarti miocardici, ictus, mortalità per malattie cardiovascolari e mortalità per malattie non cardiovascolari.

I partecipanti sono stati categorizzati in quintili di assunzione di nutrienti (carboidrati, grassi e proteine) in base alla percentuale di energia fornita dai nutrienti. Abbiamo valutato le associazioni tra consumo di carboidrati, grassi totali e ogni tipo di grasso con le malattie cardiovascolari e la mortalità totale. Quindi abbiamo calcolato le percentuali di rischio (HR)

Interpretation High carbohydrate intake was associated with higher risk of total mortality, whereas total fat and individual types of fat were related to lower total mortality. Total fat and types of fat were not associated with cardiovascular disease, myocardial infarction, or cardiovascular disease mortality, whereas saturated fat had an inverse association with stroke. Global dietary guidelines should be reconsidered in light of these findings.

Un elevato apporto di carboidrati era associato a un più alto rischio di mortalità totale, mentre il grasso totale ei singoli tipi di grassi erano correlati a una mortalità totale inferiore. Il grasso e i tipi di grasso totali non erano associati a malattie cardiovascolari, infarto miocardico o mortalità per malattie cardiovascolari. Alla luce di questi risultati, le linee guida dietetiche globali dovrebbero essere riconsiderate.

www.thelancet.com Vol 390 November 4, 2017

 

CONCLUSIONI: Nel nostro studio la maggior parte dei partecipanti (52%) ha consumato una dieta ricca di carboidrati (almeno il 60% di energia)

Circa in un quarto di questo 52% il consumo di carboidrati superava il 70% dei nutrienti.

Questo valore è superiore rispetto agli studi precedenti effettuati in Nord America e in Europa.

 Inoltre, la nostra popolazione di studio mostra una vasta gamma di assunzione di carboidrati (assunzione media del 46-77% di energia). Questo potrebbe spiegare la forte associazione tra l'assunzione di carboidrati e la mortalità totale nel nostro studio rispetto a studi precedenti.

Nel nostro studio la maggior parte dei partecipanti di basso reddito e medio reddito paesi consumato una dieta di carboidrati molto elevato (almeno il 60% di energia), soprattutto da fonti raffinati: come il riso bianco e pane bianco.

Pertanto, raccomandare l'abbassamento dei carboidrati potrebbe essere applicabile a tali impostazioni.

Inoltre, l’assunzione di elevate percentuali di carboidrati aumentano alcune forme di dislipidemia cioè, trigliceridi alti e colesterolo HDL inferiore e maggiore LDL e aumento della pressione sanguigna.

Tuttavia, l'assenza di associazione tra l'assunzione di basso tenore di carboidrati (ad esempio, <50% di energia) ed esiti di salute non fornisce il supporto per le diete molto basso contenuto di carboidrati.

Soprattutto, una certa quantità di carboidrati è necessaria per soddisfare la domanda di energia a breve termine durante l'attività fisica.

Una dieta ricca di carboidrati è solitamente accompagnata da un basso consumo di grassi. I nostri risultati mostrano un rischio più elevato di mortalità totale, mortalità per malattie non cardiovascolari e ictus con un consumo di grassi inferiore.

 

Copyright © 2018 Dietology Health Center. Tutti i diritti riservati - Privacy Policy - Cookie Policy | Designed by Kelevra Web Agency Torino