Classificazione delle obesità

Postato in Area Dietologica

 

Interessante è la classificazione proposta da Mayer, impostata sui piano fisio-patologico e tesa a raggruppare le varie forme di obesità in due classi: regolatorie/alimentari e non combustive/non iperfagiche. 
Obesità regolatorie/alimentari : sono costituite da quei casi in cui il sovrappeso si realizza a seguito di un eccessivo introito energetico. 
Obesità non combustive/non iperfagiche: sono costituite invece da quei casi in cui, non essendo dimostrabile un'alterazione del comportamento nutrizionale, si debbono far risalire a un'alterazione metabolica specifica. 


Un'altra classificazione fondata sul criterio istologico, trova origine nel fatto che il tessuto adiposo può aumentare la propria massa attraverso l'aumento di volume degli adipociti : obesità ipertrofica; oppure per un aumento del numero degli stessi: obesità iperplastica. Tuttavia recentemente tale concezione è stata corretta, non essendo sempre così netta la differenza tra le due forme. Entrambe condividerebbero infatti l'aumento di volume degli adipociti e pertanto si possono considerare le forme ipertrofico-iperplastiche e ipertrofiche pure. Le prime sono proprie dell'età giovanile, in quanto numerose ricerche dimostrano che gli adipociti mantengono, sino al diciottesimo anno di età del soggetto, la capacità di moltiplicarsi. Pertanto nelle obesità insorte nell'infanzia e nell'età puberale, l'aumento del tessuto adiposo avviene sempre per un aumento prevalentemente numerico degli stessi. Dal momento che il numero di tali adipociti raggiunto in una certa età non può diminuire, le obesità iperplastico-ipertrofiche saranno particolarmente resistenti agli interventi terapeutici. Inoltre in questi casi il rischio di recidiva e maggiore rispetto a quanto si osserva nelle forme ipertrofiche pure.

 

La classificazione delle varie obesità proposta da Mayer può essere completata con una indagine eziologica e pato-fisiologica.

 

In tale ottica proponiamo questa nostra classificazione, suddividendo cosi le obesità regolatorie o alimentari (Fig.54):

a) Obesità alimentare da sovralimentazione: tipo 1;
b) Obesità alimentare da crisi ipoglicemiche: tipo 2;
c) Obesità alimentare da bulimia nervosa: tipo 3.
Caratteristica unitaria di tali obesità e rappresentata da una disposizione dell'adipe su tutto il corpo.
Suddividiamo poi cosi le obesità non combustive/non iperfagiche:

1) Obesità circolatoria, suddivisa in:
a) arteriosa-capillare (Fig. 55);
b) venosa linfatica (Fig. 56).

 

 

 

2) Obesità addominale (Fig. 57 A-B-C-D), suddivisa in:

a) forma prediabetica;

b) forma nervosa;

c) forma epato-digestiva;

d) forma metabolica;

e) forma da colite.

 

3) Obesità ad elevato rischio cardiovascolare.

4) Obesità da alterato tasso di ormoni sessuali, suddivisa in:

a) obesità estrogenica (ginoide).
b) obesità testosteronica (androide).

5) Obesità eredo-familiare nell'uomo legata a diatesi ginecologiche della madre.

Copyright © 2012 Dietology Health Center. Tutti i diritti riservati. Designed by Kelevra Web Agency Torino

Per offrire un'esperienza di navigazione migliore, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy.