Plicometria

Postato in

 

La plicometria è la tecnica, impiegata da moltissimi anni per l’analisi della composizione corporea, che utilizza la misurazione della plica cutanea mediante il plicometro.
Per effettuare la misurazione la plica è sollevata operando una pressione tra l’indice e il pollice della mano sinistra, in modo che sia sollevata rispetto al piano del tessuto muscolare sottostante. Quindi è pinzata per mezzo delle branche del plicometro
Effettuando tale rilevazione nelle zone chiave, rappresentative della quantità totale di grasso presente nel corpo, e' possibile fare la stima della percentuale complessiva, del grasso di una persona.
Il plicometro è in pratica una sorta di calibro, le cui branche sono collegate a molle che esercitano, al rilascio, una pressione costante, di 10 grammi per ogni millimetro quadrato, e la distanza viene indicata su una scala precisa che misura lo spessore in millimetri. La misurazione si compie sul lato non dominante del corpo, in pratica sul lato sinistro per i destrimani, sollevando tra pollice ed indice, una piega cutanea dell'altezza di almeno 2 cm sulla quale si applicano le branche del plicometro tenendole perpendicolari al piano cutaneo, a questo punto si rilascia lentamente la molla del plicometro, e si attendono alcuni secondi prima di leggere la misura indicata sull’apposito quadrante millimetrato. Occorre ripetere almeno tre volte quest’operazione per poi fare la media dei valori ottenuti.
Come si vede si tratta di un esame piuttosto lungo e di difficile ripetibilità, e riproducibilità.
Al contrario l’analisi IMPEDENZIOMETRICA, consente di ottenere i dati della composizione corporea attraverso una metodica elettrica che, elaborata dal computer fornisce in poche secondi la stima della composizione corporea e i chilogrammi della massa magra, della massa grassa e i litri di acqua extracellulare e intracellulare.
Ripetendo, periodicamente l’esame, è possibile monitorare i progressi della persona in cura.
Infine, grazie sempre a questa metodica è possibile capire perché una paziente che vestita non sembra certo in sovrappeso si lamenti perché si ritiene grassa.

 

Bibliografia:


Weltman A, Levine S, Seip RL, Tran ZV.
Accurate assessment of body composition in obese females.
Am J Clin Nutr. 1988 Nov;48(5):1179-83.

Tran ZV, Weltman A.
Generalized equation for predicting body density of women from girth measurements.
Med Sci Sports Exerc. 1989 Feb;21(1):101-4.

Teran JC, Sparks KE, Quinn LM, Fernandez BS, Krey SH, Steffee WP.
Percent body fat in obese white females predicted by anthropometric measurements.
Am J Clin Nutr. 1991 Jan;53(1):7-13.

Fuller NJ, Sawyer MB, Elia M.
Comparative evaluation of body composition methods and predictions, and calculation of density and hydration fraction of fat-free mass, in obese women.
Int J Obes Relat Metab Disord. 1994 Jul;18(7):503-12.

Copyright © 2012 Dietology Health Center. Tutti i diritti riservati. Designed by Kelevra Web Agency Torino

Per offrire un'esperienza di navigazione migliore, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy.