Test di sensibilità insulinica

Scritto da dhc. Postato in

La misurazione diretta della sensibilità insulinica si basa su approcci metedologici molto diversi fra loro per accuratezza e applicabilità.

  • Clamp euglicemico iperinsulinemico 
  • Clamp iperglicemico 
  • Test all’insulina e.v.(ITT) breve (15 minuti )
  • Test al glucosio e.v.(IVGTT) 
  • Test di soppressione insulinica (soma tostatina+insulina+glucosio)
  • Test di valutazione insulinica con prelievo eseguito a digiuno e dopo carico di glucosio o dopo un pasto a base di glicidi.


Clamp euglicemico iperinsulinemico.

Questo test certo indaginoso e relativamente complesso costituisce la metodica di riferimento per misurare la sensibilità dei tessuti all’insulina esogena.
Il Clamp euglicemico iperinsulinemico si basa sull’infusione di una quota di insulina tale da portare i valori ematici dell’ormone, per un tempo di 120 minuti, a un livello costante di 100 microU / ml. La misurazione della quantità di glucosio necessaria per mantenere livelli glicemici normali studia la capacità dell’insulina ESOGENA di far penetrare il glucosio nei tessuti.

Clamp iperglicemico

Questo test per mezzo dell’infusione continua in vena di glucosio per 120 minuti determina uno stato iperglicemico costante intorno a 125mg/dl sopra il livello basale, con l’intento di valutare la sensibilità tissutale all’insulina ENDOGENA misurando la quantità di glucosio necessaria per avere il livello costante di iperglicemia.

Il miglioramento della sensibilità insulinica poggia essenzialmente su provvedimenti di ordine comportamentale come dieta, esercizio fisico e terapia farmacologica.

 

BIBLIOGRAFIA:

J Am Geriatr Soc. 1998 Jan;46(1):88-91. 
Assessment of insulin sensitivity in older adults using the hyperglycemic clamp technique.

Meneilly GS, Elliott T.
Department of Medicine, University of British Columbia, Vancouver, Canada.

Infusionsther Klin Ernahr. 1984 Feb;11(1):4-10. 
[The euglycemic insulin and hyperglycemic clamp technic. Methods for the determination of insulin sensitivity of tissues and glucose sensitivity of the B cell. A review] Bratusch-Marrain PR.

Krentz AJ.
Fortnightly review: insulin resistance. Br Med J 1996;313:1385-9.

American Diabetes Association.
Consensus development conference on insulin resistance. 5-6 November 1997. Diabetes Care 1998;21:310-4.

Modan M, Halin H, Almog S, et al.
Hyperinsulinemia: a link between hypertension, obesity, and glucose intolerance. J Clin Invest 1985;75:809-17.

Reaven GM.
Role of insulin resistance in human disease. Diabetes 1988;37:1595-607.

Zavaroni I, Bonora E, Pagliara M, et al.
Risk factors for coronary artery disease in healthy persons with hyperinsulinemia and normal glucose tolerance. N Engl J Med 1989;320:702-6.

De Fronzo RA, Ferrannini E.
Insulin resistance: a multifaceted syndrome responsible for NIDDM, obesity, hypertension, dyslipidemia, and atherosclerotic cardiovascular disease. Diabetes Care 1992;14: 173-194.

Avogaro P, Crepaldi G.
Essential hyperlipemia, obesity and diabetes. Diabetologia 1965;1:137(abs).

Kaplan NM.
The deadly quartet: upper-body adiposity, glucose intolerance, hypertriglyceridemia and hypertension. Arch Intern Med 1989;149:1514-20.

Copyright © 2012 Dietology Health Center. Tutti i diritti riservati. Designed by Kelevra Web Agency Torino

Per offrire un'esperienza di navigazione migliore, questo sito utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra cookie policy.